Personalità

Tinder: chi lo usa e perchè

"Possiamo avere tutti i mezzi di comunicazione del mondo, ma niente, assolutamente niente, sostituisce lo sguardo dell’essere umano."
(Paulo Coelho)

 

Tinder: chi lo usa e perchè, con quale scopo? In quest’articolo parleremo delle motivazioni che spingono le persone ad utilizzare Tinder, e di come i tratti di personalità degli users influenzano le relazioni online. Come sono le persone che avete conosciuto su Tinder? Trovate delle caratteristiche comuni?

Tinder è l’app di dating e di incontri più usata nel mondo occidentale. Il suo successo sembra essere spiegato dalla facilità di utilizzo, spesso descritta come rapida e che non richiede sforzo eccessivo. Infatti, mentre trovare un partner a lungo termine è spesso percepito dalle persone come un’attività frustrante che richiede tempo, Tinder semplifica le cose mostrando potenziali partner nelle vicinanze.

 

Intrattenimento, sesso occasionale, partner a lungo termine?

Comunemente si pensa che Tinder sia un’app pensata per la ricerca di sesso occasionale. Tuttavia, un recente studio sulle motivazioni che spingono ad usare Tinder evidenzia come gli utenti segnalano di utilizzare questo tipo di app più per scopi di intrattenimento rispetto a quelli di ricerca di un partner (che sia romantico o sessuale).

 

Gli utenti di Tinder che cercano sesso occasionale sono per la maggior parte di sesso maschile.

 

Ma che tratti di personalità hanno gli utilizzatori di Tinder, e come questo influisce sul suo utilizzo?

 

Big five e tinder

Una recente ricerca ha voluto guardare al nesso esistente tra la personalità degli individui e il come e il perché viene utilizzato Tinder. In particolare, gli autori (Timmermans e De Caluwé), utilizzando i Big Five della personalità sono andati a vedere se c’era qualche nesso tra la personalità degli individui e come viene utilizzato Tinder.

In particolare si sono trovati dati curiosi rispetto ai tratti estroversione-introversione e coscienziosità-negligenza. Vediamoli insieme.

 

Estroversione vs Introversione

 

Le persone estroverse sono socievoli, apprezzano il contatto con gli altri e le relazioni sociali. Le persone introverse sono introspettive, pensierose, sono riservate e più chiusi nei confronti degli estranei.

 

Si è notato che gli utilizzatori di Tinder, in generale, sono più estroversi e aperti a nuove esperienze rispetto a coloro che non lo utilizzano.

Ma cosa fanno le persone estroverse su Tinder? Sembra che spesso non lo utilizzino per trovare un partner romantico: lo utilizzano invece come intrattenimento per passare il tempo. Infatti, le persone più estroverse sembrano essere più inclini alla noia quando sono da soli rispetto alle persone introverse e quindi usano Tinder come diversivo per occupare il tempo libero.

Sebbene in minoranza, anche le persone introverse utilizzano Tinder, ma in modo diverso dalle persone più estroverse. Infatti, usano l’app principalmente per due motivi:

  • come mezzo per rapportarsi più facilmente con gli altri, in quanto la comunicazione online provoca meno ansia rispetto all’approccio face-to-face. Essendo una piattaforma online, Tinder crea un ambiente più sicuro per le persone che temono di essere giudicate e valutate negativamente.
  • per migliorare le loro abilità sociali, conversando e interagendo molto più di quanto farebbero in una relazione faccia a faccia con una persona appena conosciuta.

Potrebbe essere che queste persone si tirino indietro quando arriva il momento di incontrarsi di persona.

 

Curiosità: l’introversione è un tratto della personalità che predice in alcuni casi la fobia sociale, disturbo caratterizzato da paura molto intensa che riguarda una o più situazioni sociali ben definite (ad es. parlare in pubblico, mangiare in pubblico etc.) dove si può essere osservati dagli altri.

 

Coscienziosità vs negligenza

 

Le persone coscienziose sono scrupolose, motivate e perseveranti nel raggiungimento di obiettivi, affidabili ed organizzate. Le persone negligenti sono spesso prive di obiettivi, pigre, incuranti, con poca disciplina e attenzione verso gli altri e verso ciò che fanno.

 

Tinder è utilizzato più da persone “negligenti”, e questo perché è un’app che promuove la ricerca di gratificazione immediata senza che per raggiungerla si debba fare troppa fatica.

Gli individui coscienziosi hanno meno probabilità di usare Tinder: queste persone considerano il tempo una risorsa limitata che non dovrebbe essere sprecata e sono spesso raffigurate come orientate agli obiettivi ed efficienti. Usare Tinder come strumento di intrattenimento o come mezzo per distrarre l’attenzione contrasta con tali valori. I pochi utenti coscienziosi che utilizzano Tinder, sono più propensi a farlo per trovare un partner romantico piuttosto che per passare il tempo o per la ricerca di sesso occasionale.

 

Conclusioni

Sebbene ci siano dei limiti sia rispetto alla teoria dei Big Five, sia rispetto alla ricerca, questi dati offrono uno spunto interessante per capire come e perché viene utilizzato Tinder dalle persone. Vi ritrovate nelle descrizioni?

 

 

Bibliografia

Bienvenu, O. J., Hettema, J. M., Neale, M. C., Prescott, C. A., & Kendler, K. S. (2007). Low extraversion and high neuroticism as indices of genetic and environmental risk for social phobia, agoraphobia, and animal phobia. American Journal of Psychiatry, 164(11), 1714-1721. LEGGI QUI

Christopher, A. N., Zabel, K. L., & Jones, J. R. (2008). Conscientiousness and work ethic ideology: A facet-level analysis. Journal of Individual Differences, 29(4), 189-198. LEGGI QUI

Costa Jr, Paul T., and Robert R. McCrae. “Four ways five factors are basic.” Personality and individual differences 13.6 (1992): 653-665. LEGGI QUI

David, G., & Cambre, C. (2016). Screened intimacies: Tinder and the swipe logic. Social media+ society, 2(2), 2056305116641976. LEGGI QUI

Finkel, E. J., Eastwick, P. W., Karney, B. R., Reis, H. T., & Sprecher, S. (2012). Online dating: A critical analysis from the perspective of psychological science. Psychological Science in the Public Interest, 13(1), 3-66. LEGGI QUI

Roberts, B. W., Lejuez, C., Krueger, R. F., Richards, J. M., & Hill, P. L. (2014). What is conscientiousness and how can it be assessed? Developmental psychology, 50(5), 1315. LEGGI QUI

Timmermans, E., & De Caluwé, E. (2017). To Tinder or not to Tinder, that’s the question: An individual differences perspective to Tinder use and motives. Personality and Individual Differences, 110, 74-79. LEGGI QUI

0 0 vote
Article Rating
Avatar

Psicologa e psicoterapeuta in formazione. Ricevo nel mio studio in centro a Pavia dove mi occupo di counselling e supporto psicologico a sostegno di situazioni di disagio e/o difficoltà per giovani, adulti e anziani. Sono esperta in psicologia dell'invecchiamento e attualmente lavoro in una RSA. Ho collaborato a vari progetti in diversi luoghi del mondo e ho lavorato con rifugiati. Nel tempo libero studio e leggo, scrivo articoli, sono appassionata di cinema e fotografia e di sport all'aria aperta. Mi puoi contattare all'indirizzo: e.toccagni91@gmail.com.

Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
LinkedIn
Share
Instagram
0
Would love your thoughts, please comment.x
()
x